domenica 5 ottobre 2008

Quel Comune senso...civico...

Oggi, in occasione della Prima giornata ecologica, indetta per pulire la nostra spiaggia dai residuati estivi erano presenti in forze circa... dieci persone (sic). E' vero che l' unico canale pubblicitario utilizzato è stato quello dei blog ...( oltre che il passaparola), ma questo non giustifica assolutamente la scarsa risposta di volontari andreolesi, rispetto a quella che ci si attendeva.
E la cosa non può che dispiacere, soprattutto per l' assenza dei più giovani;
sì perchè vedete ci sono iniziative che partono dal basso , e che se accolte con favore oltre che essere un' occasione per fare qualcosa di diverso in un' oziosa domenica mattina d' autunno ( magari un po di moto non utile solo a se stessi..), possono veicolare messaggi che partendo appunto dal basso, ambiscano ad arrivare un po più su...
Certo è facile dire "..ma queste cose dovrebbe farle la provincia, il comune, o chissà chi.."
Giusto dovrebbero...ma in attesa se fossero i cittadini a dare l' esempio mostrando interesse per il proprio territorio non solo a parole, essendo solidali gli uni con gli altri almeno laddovè si tratti di salvaguardare il bene comune, la cosa non guasterebbe di certo.
In effetti in questo modo di fare si annida un rischio latente e più generico: quello che a forza di delegare senza dare l' esempio in prima persona, mettendo almeno ogni tanto l' interesse comune davanti a quello della pulizia del proprio orticello...va a finire che chi ci governa, ad ogni livello, rispecchi questo modo di essere..ed anche se non dovrebbe, lo rifletta nell' agire da pubblico amministratore.
In una parola, e senza voler fare la paternale a nessuno, sarebbe il caso che ognuno riscopra il proprio senso civico e lo metta a servizio prima tutto della comunità quando ci sono le occasioni....per il Comune poi si vedrà..e comunque è cosa consequenziale e meno importante. Saluti

5 commenti:

Manu ha detto...

Ti do pienamente ragione, forse la cosa è stata poco pubblicizzata, ma come ha anche detto qualcuno stamattina, "quando vogliono vanno in giro con le fotocopie..."! Non c'è molto da aggiungere, in fondo la cosa importante è che l'obbiettivo sia stato raggiunto e i cassonetti pieni parlano chiaro. Per il resto si sa... a fatiga 'on li piacia a nessunu!

Mario ha detto...

Forse in questo caso bisognerebbe mettere da parte i riferimenti alla politica, al comune, a chi ci amministra etc... visto che si trattava di un inziativa nata spontaneamente senza nessuna matrice e chiunque avesse partecipato lo avrebbe fatto a titolo personale, però visto che ci siamo... e diciamole alcune cose!
Della pulizia della spiaggia lo sapevano anche in Canada, tanto per far capire che le notizie sul blog di Francesco Ranieri e i pungenti post di buzzo fanno il giro del paese in men che non si dica, anzi legga... Mancavano gli amministratori "nullafacenti" come vengono definiti da un certo numero di paesani, mancavano, però, gli stessi che danno dei nullafacenti agli amministratori, forse essendo la pasticceria chiusa per ferie sono dovuti andare tutti a Davoli a prendere le pastarelle per il pranzo domenicale, mancavano vari filosofi di questa e di quella parte. Della Pro Loco non c'era nessuno, a parte Emanuele a titolo personale e non certo quale rappresentante e Nicola Ranieri impossibilitato per infortunio. Le associazioni? Boh... Circolo culturale "Corrado Alvaro"? chiuso per pellicciotti autunnali... E che dire dei prodi imprenditori andreolesi, che dal mare e dal turismo traggono parte del loro sostentamento? Beh, era domenica, chiusura settimanale... Insomma per farla breve, c'eravamo solo quelli che abbiamo organizzato la cosa e qualche amico.
Consoliamoci col fatto che ci saranno altre occasioni per tirar fuori il "comune senso civico".

pasquale cosentino ha detto...

Mi ricordo un altro periodo in cui si cominciò a organizzare "iniziative spontanee", e di volontariato, per sopperire all'incapacità degli amministratori...era il 1994, amministrazione Stefanucci (quella del taglio dell'uliveto per intenderci), appena prima dell'ennesimo commissariamento. Ma non eravamo amministrati, da nove anni a questa parte, dai più bravi del paesino? E non eravamo in pieno orgasmo di trasparenza,efficienza, solidarietà e cultura? Se poi gli amministratori hanno il diritto di essere (a detta pare di un numero sempre meno esiguo di paesani)"nullafacenti" solo perchè potrebbe esserlo anche chi osa esplicitarlo, vuol dire che al momento di candidarsi saranno stati precettati, oppure - come si dice - gliel'ha ordinato il medico...in entrambi i casi forse conviene mandarli a casa e andare in "autogestione"!Quanto al moralismo secondo cui dovremmo rimboccarci le maniche, riempire i cassonetti, ed evitare "riferimenti alla politica, al comune, a chi amministra" ecc., bè: troppo comodo...troppo tardi...io non ci stò di sicuro!

domenico ha detto...

solo una puntualizzazione , il periodo che ricorda Pasquale si è protratto anche più in la, per intenderci con l'amministrazione Cosentino, io ero tra quei scellerati e ricordo tante e tante cose buone e cattive, a distanza di 15 anni ancora non ho ottenuto il posto di lavoro a nessun ente.

Pepu80 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.